Modello organizzativo 231 (ex D. Lgs. 231/2001)

Nel 2002 il Consiglio di Amministrazione di Terna ha deliberato l’adozione del Modello di organizzazione e gestione rispondente ai requisiti del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231, che ha introdotto nell’ordinamento giuridico italiano un regime di responsabilità amministrativa (ma di fatto penale) a carico delle società per alcune tipologie di reati commessi da amministratori, dirigenti o dipendenti nell’interesse o a vantaggio delle società stesse. In particolare, la legge intendeva contrastare la corruzione. La possibilità, per una società, di essere esonerata dalla responsabilità è condizionata a specifiche azioni, tra le quali:

  • avere adottato e attuato (prima della commissione del fatto) un modello di organizzazione e di gestione coerente con il Decreto Legislativo 231 e idoneo a prevenire reati della specie di quello verificatosi;
  • avere affidato il funzionamento, l’osservanza e l’aggiornamento del Modello a un Organismo di Vigilanza Interno, dotato di autonomi poteri di iniziativa e controllo sull’applicazione del Modello.

L’adozione del Modello di organizzazione e gestione 231 da parte di Terna è quindi orientata ad assicurare “condizioni di correttezza e trasparenza nella conduzione degli affari” e delle attività aziendali, a tutela della propria posizione e immagine e delle aspettative dei propri stakeholder, in linea con quanto previsto dal Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231. Il Modello ha subito nel tempo varie modifiche adeguandosi alle disposizioni di legge e alle successive integrazioni di nuovi reati nel Decreto 231.

Nella sua impostazione attuale il Modello è articolato in 11 parti, 1 generale e 10 speciali (A, B, C, D, E, F, G, H, I, L). In particolare, a seguito dell’entrata in vigore del D. Lgs. 121/2011, che ha esteso il campo di applicazione ad alcuni reati ambientali, Terna S.p.A. ha provveduto ad adeguare il proprio Modello di organizzazione e gestione, introducendo la Parte Speciale L, relativa, appunto, ai reati ambientali.

Le 11 parti speciali del Modello riguardano i reati:

A – nei rapporti con la PA e con l’Autorità Giudiziaria

B – societari

C – di terrorismo

D – contro la personalità individuale

E – di abuso di mercato

F – di riciclaggio

G – di omicidio colposo e lesioni gravi o gravissime

H – informatici, di trattamento illecito di dati, di violazione del diritto d’autore

I – di criminalità organizzata

L – in materia ambientale 

A marzo 2011 la Direzione Sicurezza Aziendale ha pubblicato e distribuito a tutti i dipendenti un manuale per il personale dal titolo “D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 – Modello di organizzazione e gestione delle procedure” a ulteriore sostegno delle attività di informazione e formazione sul tema. È stata inoltre portata a termine una campagna di sensibilizzazione tarata a seconda delle aree a “rischio di reato” in cui ciascuno si trova a operare.

Ulteriori informazioni sul Modello organizzativo di Terna sono disponibili sul sito www.terna.it nell’area Corporate Governancedella sezione “Investor Relations”.