L’andamento del titolo

Nel 2011 i listini europei hanno registrato andamenti fortemente negativi a causa dell’aggravarsi della situazione congiunturale, caratterizzata da una debole ripresa economica e da elevati tassi di disoccupazione. Il protrarsi della crisi del debito sovrano ha reso necessari nuovi piani di stimolo all’economia da parte dei governi e ha contribuito a creare ulteriore incertezza tra gli investitori e a far aumentare la volatilità degli scambi.

In tale contesto e nonostante l’impatto negativo dovuto all’innalzamento del prelievo fiscale ad agosto 2011 (estensione della c.d. Robin Hood Tax al settore della trasmissione elettrica), la natura difensiva del titolo Terna ha consentito di registrare una performance migliore di quella delle Blue Chips italiane (Terna -17,6% vs FTSE-MIB -25,2%). I volumi giornalieri medi sul titolo sono stati pari a circa 10 milioni di pezzi scambiati, in calo rispetto allo scorso anno.

Andamento del titolo Terna e degli indici FTSE MIB e DJ STOXX 600 Utilities

Andamento del titolo Terna e degli indici FTSE MIB e DJ STOXX 600 Utilities

Fonte: Bloomberg. Dati al 30 marzo 2012.

Dalla quotazione (23 giugno 2004) a fine 2011, il titolo Terna si è apprezzato del 53,2%, a fronte di una performance negativa del FTSE MIB pari al 45,9%.

Nel primo trimestre del 2012, Terna ha registrato un rialzo del 16%, sovraperformando nettamente sia il mercato (FTSE-MIB +6%) che settore di riferimento europeo (DJ Stoxx Utilities +2%).

Il Total Shareholder Return

La misura più completa del valore creato da un’impresa per i propri azionisti è il TSR (Total Shareholder Return, ritorno complessivo dell’investimento per l’azionista), che è calcolato sommando all’incremento del prezzo del titolo, in un determinato intervallo temporale, l’effetto dei dividendi per azione corrisposti nello stesso periodo. Il calcolo del TSR mostra, quindi, il tasso di rendimento annuo per un investitore che abbia acquistato il titolo Terna in data X e lo abbia venduto in data Y. Tale calcolo considera tutti i dividendi pagati dall’Azienda reinvestiti nel titolo Terna alla data di stacco della relativa cedola.

In termini di Rendimento Totale dell’azione, nel 2011 Terna ha sovraperformato l’indice delle Blue Chips italiane (Terna -11,4% vs. FTSE-MIB -22%).

Dalla quotazione a fine 2011, il TSR per l’azionista tocca il 140,6%, in netta controtendenza rispetto ai ritorni della media delle Blue Chips italiane che, nel periodo, hanno perso il 27,4%.

Evoluzione dei dividendi distribuiti da Terna S.p.A.(1) Anno Stacco cedola Pagamento Dividendo (euro)
Anticipo dividendo 2004 2004 18 ottobre 21 ottobre 0,045
Saldo dividendo 2004 2005 23 maggio 26 maggio 0,070
Anticipo dividendo 2005 2005 21 novembre 24 novembre 0,050
Saldo dividendo 2005 2006 19 giugno 22 giugno 0,080
Anticipo dividendo 2006 2006 20 novembre 23 novembre 0,053
Saldo dividendo 2006 2007 18 giugno 21 giugno 0,087
Anticipo dividendo 2007 2007 19 novembre 22 novembre 0,056
Saldo dividendo 2007 2008 23 giugno 26 giugno 0,095
Anticipo dividendo 2008 2008 24 novembre 27 novembre 0,0592
Saldo dividendo 2008 2009 22 giugno 25 giugno 0,0988
Anticipo dividendo 2009 2009 23 novembre 26 novembre 0,07
Saldo dividendo 2009 2010 21 giugno 24 giugno 0,12
Anticipo dividendo 2010 2010 22 novembre 25 novembre 0,08
Saldo dividendo 2010 2011 20 giugno 23 giugno 0,13
Anticipo dividendo 2011 2011 21 novembre 24 novembre 0,08
(1) Terna ha adottato una politica che prevede il pagamento di dividendi due volte l’anno

L’attenzione di Terna per i propri azionisti

L’attenzione di Terna nei confronti dei propri azionisti ha consentito di creare negli anni una base azionaria solida, duratura e diversificata a livello internazionale. Ad oggi, nell’azionariato di Terna sono presenti 470 fondi prevalentemente con un orizzonte temporale d’investimento medio-lungo e circa 115 mila azionisti individuali. Tra gli investitori istituzionali esteri, dislocati in 39 paesi diversi, i fondi nord-americani si confermano in assoluto i più numerosi (oltre il 18% del totale).  

Gli investitori istituzionali socialmente responsabili hanno assunto una sempre maggiore rilevanza nell’azionariato. A libro soci sono presenti, infatti, 95 Istituzioni con tali caratteristiche (rispetto alle 32 del 2005) e il loro peso sul capitale supera l’11% rispetto al 2% del 2005.

Azionariato di Terna per area geografica

Azionariato di Terna per area geografica